giovedì 13 dicembre 2012

Una lasagna fa Natale? Lasagnetta verde con salmone e arancia

Buongiorno a tutti!
Si.
Una lasagna fa Natale!

Anche se da un pò di Natali a questa parte in casa non facciamo più la lasagna tradizionale, quella al ragù (che rimane la migliore in assoluto, intendiamoci ^_^ ), visto il nostro sempre più esiguo consumo di carne.

Ed ecco che ci siamo inventati nuovi gusti, nuovi sapori, perchè senza lasagna non è Natale.

Avevo fatto una prova del genere QUI', ed il risultato è stato strepitoso, perchè il salmone (ma tutto il pesce in generale...) con l'arancia si sposa BENISSIMO.Giudicate voi.... :)

LASAGNA VERDE CON SALMONE E ARANCIA
Ingredienti:

  • 300 gr sfoglie ai spinaci Del Verde
  • 150 ml crema di latte
  • 150 gr salmone affumicato
  • 1 arancia
  • olio extra vergine di oliva
  • 1/2 cipolla (piccola)
  • sale & pepe
  • prezzemolo
Procedimento.
Tagliare a listarelle il salmone. In una padella antiaderente soffriggere la cipolla tritata con la buccia grattugiata dell'arancia per circa 5 minuti. Unire il salmone. Rosolarlo un paio di minuti. Salare (pochissimo, il salmone è gia saporito di suo...) e pepare. Unire la crema di latte e cuocere altri 3-4 minuti.
Spegnere il fuoco e unire il prezzemolo finemente tritato.

Preparare quindi la lasagna, queste tipologie gia pronte di solito non hanno bisogno di essere sbollentate.
Quindi: lasagna-sugo-lasagna-sugo fino ad esaurimento degli ingredienti. Se vi piace potete anche aggiungere della mozzarella. Io vi dico che era gia buona così :). Forno a 200° per 15-20 minuti.


ET VOILA'!!!!!!!


DSC_2383blog

lunedì 10 dicembre 2012

L'albero, il presepe, il bue e l'asinello. Torta di rose.

Inutile negarlo.
Il Natale è magico. Con tutte le sue luci, i suoi colori, il bianco della neve ed il rosso delle stelle Natalizie.

Ho la fortuna (bisogna ricordarsene sempre) di avere una famiglia meravigliosa, un compagno (e futuro marito!!!!!) splendido e tante persone che mi vogliono bene. E questi mi sembrano tutti degli ottimi motivi per festeggiare, e per preparare la casa al Natale.

DSC_2372 blog 1

DSC_2377 blog 3

E per la colazione dell'8 Dicembre, giorno deputato alla decorazione dell'albero e del presepe ho preparato questa torta di rose, davvero semplice ma di grande effetto.

TORTA DI ROSE
Ingredienti:

  • 150 gr farina 0
  • 200 gr farina 00
  • 1/2 panetto lievito di birra
  • 2,5 cucchiai zucchero di canna
  • 3 rossi d'uovo
  • 1 bicchiere olio extra vergine di oliva
  • 160 ml latte intero
  • confettura di albicocche
  • zucchero a velo
Procedimento:
Intiepidire il latte. Sciogliervi il lievito di birra e lasciar riposare per 15 minuti.
Impastare le due farine con l'uovo, il sale, lo zucchero, l'olio e il latte con il lievito, formando un panetto morbido ed elastico. Ungere un contenitore con dell'olio, metterci l'impasto e lasciarlo riposare per circa 3-4 ore (deve raddoppiare).
Passate le tre-quattro ore riprendere l'impasto (se serve aiutatevi con un altro pò di farina...) e stenderlo in un rettangolo.
Spalmare sopra il rettangolo la confettura di albicocche, arrotolatelo quindi dal lato lungo e ritagliate delle fette di circa 2-3 cm di spessore.

Imburrare e infarinare uno stampo di 24 cm di diametro (consiglio uno apribile a cerniera...) sistemandovi dentro le roselline distanziate tra di loro. Coprire con un canovaccio e attendere un'altra oretta che raddoppino di volume.

Infornare in forno caldo a 180° per circa 20 minuti. Una volta sfornato il dolce spolverizzarlo con zucchero a velo.

ET VOILA'!!!!



DSC_2382 blog 4



PS. Avete gia fatto i regali di Natale? I miei saranno tutti MANGERECCI, ovviamente, e se desiderate anche voi fare doni nella MECCA della buona tavola andate a sbirciare nello shop on line dei miei amichetti di Cucinando, non ve ne pentirete.... ;)

martedì 27 novembre 2012

....damme 'na mano a faje dì de si..... Broccoletti alla romana

....Faje sentì ch’è quasi primavera
manna li mejo grilli pe’ fa cri cri
Prestame er ponentino
più malandrino che c'hai
Roma reggeme er moccolo stasera....


Questa canzone mi infonde serenità, e mi fa sorridere. Amo parlare romanaccio stretto. Le mie amiche e i miei amici lo sanno, e per questo si fanno anche un sacco DE RISATE. E amo la cucina romana, e laziale in generale; il mio primo piatto preferito devo ancora deciderlo.....forse 'er cacio e pepe, o  'amatriciana....perchè no 'na bella carbonara?

E amo i broccoletti. Pieni DE aglio ajo e peperoncino. E li faccio spesso in questo periodo, anche perchè 'SO' PROPRIO DE STA STAGGGIONE.




DSC_2355 blog 1BROCCOLETTI RIPASSATI 'N PADELLA
Ingredienti:
  • 1 kg (circa) DE broccoletti
  • 2-3 spicchi DE aglio
  • 2 peperoncini
  • sale e pepe
  • olio extravergine di oliva A IOSA
Procedimento:
Lavare i broccoletti. In una pentola soffriggere gli spicchi DE aglio collll'olio e il peperoncino.
Unire quindi i broccoletti, senza strizzarli (anzi, lasciare un bel pò di acqua...). Salare, pepare, mettere il coperchio e cuocere per circa 20 minuti.

ET VOILA'!!!!


DSC_2361 blog 2



PS alcuni lessano i broccoletti e poi li ripassano in padella. Io preferisco così, in questo modo il sapore rimane intatto ;)

giovedì 22 novembre 2012

Una due giorni da sogno: Casa Buitoni.

Buongiorno a tutti!

Quest'oggi vi racconto la mia splendida esperienza in quel di San Sepolcro, precisamente a casa Buitoni.



Quando mi è arrivato l'invito ero quasi incredula. Io? A casa Buitoni? Insieme ad altre (bbbbbone) 5 bloggers?

Perchè gia (solo lontanamente) immaginavo, che sarebbe stata una due giorni perfetta.

Un luogo incantevole, incastonato nelle colline toscane.
Un vero e proprio Centro di Ricerca & Sviluppo, uno dei più importanti al mondo, dove Buitoni "inventa" letteralmente nuovi prodotti.


Prodotti destinati ai consumatori di tutto il mondo.


E quì ovviamente ci siam messe all'opera...


E la sfida era utilizzare il nuovo prodotto Made in Casa Buitoni....la pizza in padella. veloce, pratica e.... gustosissima!!!!


Dovevamo inventare una pizza, ci han divise in squadre e...... INDOVINATE CHI HA VINTO????


Io e Aurelia!!!! La laziale & la toscana.... :D

Eccomi infine all'opera con la pasta allo zafferano...


ed eccoci in abiti "da lavoro"....


Un saluto a Ramona,  Aurelia, Veru, Claudia, La Gonzi che hanno condiviso con me questa bellissima esperienza.

Un ringraziamento particolare alla squadra della Nestlè, Valentina Cecconi, la nutrizionista; Enrico Braganti lo chef di casa Buitoni e Barbara Desario di Nestlè Italia.

E un grazie particolare va a questa "forza della natura" che ci ha fatto letteralmente SCOMPISCIARE dalle risate, disquisendo di Yogurt e di "acidelle", Francesca Marchelli. :)


lunedì 19 novembre 2012

Cronaca della domenica. Frollini di farro con lime e marmellata di mirtilli

Cronaca della domenica.
Le scuole elementari. Ne conservo un ricordo vivo e bellissimo. Perchè nonostante sia passato un tempo infinito un pò di tempo da allora,ho in mente tutti e cinque gli anni. Ero in una bellissima classe, eravamo tutti davvero molto bravi, appassionati allo studio e gonfi di curiosità.
La maestra poi. Una seconda mamma per tutti noi. Sapeva insegnare, essere severa ma allo stesso tempo molto dolce, sapeva stimolarci e tirar fuori tutte le nostre migliori capacita.

Ed ogni lunedì, tutti i lunedì mattina, ci proponeva questo bellissimo tema, dal titolo "Cronaca della domenica", in cui noi scrivevamo come avevamo passato il giorno più bello della settimana.

Ho sorriso stamane quando ho ripensato ai miei temi del lunedì.

Ecco perchè il post di oggi si chiama così.

La mia cronaca della domenica? Divanolandia & cucina, una domenica praticamente perfetta.


DSC_2320 blog 3

FROLLINI DI FARRO CON LIME E MARMELLATA DI MIRTILLI
Ingredienti:
  • 200 gr farina di farro
  • 100 gr farina 00
  • 100 gr zucchero a velo
  • 130 gr burro freddissimo
  • 1 cucchiaio acqua
  • 1 uovo
  • 1 tuorlo
  • la buccia di un lime grattuggiata
  • marmellata di mirtilli
Procedimento:
Sulla spianatoia mischiare le due farine e disporle a fontana. Al centro mettere lo zucchero, le uova, il burro tagliato a dadini, il cucchiaio di acqua, la buccia del lime grattuggiata e impastare fino a formare una palla, che conserveremo in frigo per circa 30 minuti.

Prendere la frolla e stenderla con un mattarello, formando con delle formine i biscotti. Fare una formina normale e un'altra con il buco al centro, utilizzando un mestolo di legno.


DSC_2319 blog 1
Mettere quindi sulla formina piena un pò di marmellata al centro, e sovrapporre il biscotto con il buco.

Forno a 180° per 15 minuti circa, o comunque fino a doratura.

ET VOILA'!!!!

DSC_2332 blog 2

lunedì 12 novembre 2012

Due soli ingredienti per una torta. Torta cuore di nutella

Buongiorno a tutti.
Reduce da un FANTASTICO weekend in Toscana, in quel di Sansepolcro (stay tuned, a breve post...) ieri pomeriggio mi sono imbattuta in questa SPLENDIDA torta nel sito di Arabafelice.

E complice un barattolo paradossalmente ancora pieno di nutella (sempre premio nobel all'inventore della nutella, sempre sia lodato l'inventore della nutella, sempre pace e bene all'inventore della nutella) ho dovuto per forza farla anche io.

Si tratta di una torta che contiene soltanto due ingredienti: le uova e la suddetta (paradisiaca, strepitosa, e chi più ne ha più ne metta) nutella.

L'unico accorgimento sta nell'impasto. Dovete assolutamente rispettare i tempi di cui sotto, altrimenti vi viene una frittata al cacao, #sapevatelo (ancora non mi seguite su twitter????? ecco il mio ACCOUNT, sono la Signora Aquilone)

TORTA CUORE DI NUTELLA
Ingredienti:
  • 4 uova
  • 240 gr nutella
Procedimento:
Con l'aiuto di una planetaria (o con delle buone fruste elettriche) sbattete le 4 uova per 10 minuti. Le uova devono praticamente triplicare di volume.
A questo punto scaldare la nutella a bagnomaria (non troppo, deve solo fluidificare un pochino).
Aggiungerla al composto di uova in due volte, mescolando il tutto dal basso verso l'alto (le uova si devono smontare il meno possibile)

Versare in una tortiera di circa20-22 cm di diametro e cuocere in forno caldo a 175° per 25 minuti.
Servire fredda (meglio se di frigo...)

ET VOILA'!!!!!!!!!!



DSC_2503 blog


ps mi sssssscuso per la foto "serale", ma fa buio così presto.....

martedì 6 novembre 2012

Keep calm, and make a wish. Vellutata di ceci e patate al rosmarino e basilico

  keep-calm-and-make-a-wish-2

Calma.
Sedetevi.
Rilassatevi.
Chiudete gli occhi.
Ed esprimete un desiderio.
Ma esprimetelo forte. Pensateci intensamente. Desideratelo ardentemente. Con tutta la vostra determinazione.
Perchè i desideri....eh spesso si avverano. Talvolta quando meno te lo aspetti.

Esprimete il vostro desiderio. E attendete fiduciosi.










VELLUTATA DI CECI E PATATE AL ROSMARINO E BASILICO
Ingredienti:
  • 150 gr ceci secchi
  • 4 patate di media grandezza
  • 1 litro brodo vegetale caldo
  • 1 mazzetto di basilico
  • 1 mazzetto di rosmarino
  • 1 carota
  • 1 cipolla
  • 1 costa di sedano
  • olio extravergine di oliva
  • sale & pepe
Procedimento:
Mettere a bagno i ceci per 12 ore, scolarli e cuocerli in acqua non salata per circa 2 ore.
In una padella rosolare nell'olio extravergine di oliva un trito di carota, sedano e cipolla. Tagliare le patate a tocchetti piccoli e aggiungerle al soffritto. Unire il brodo vegetale e i ceci scolati della loro acqua di cottura. Aggiungere il basilico. Cuocere per 30 minuti. A cottura ultimata frullare il tutto con un frullatore ad immersione. Servire caldissimo, con un filo di olio extravergine di oliva a crudo.

ET VOILA'!


DSC_2328blog

lunedì 29 ottobre 2012

Roma. Il Mangelo 2013.

Buongiorno a tutti,
è con immenso piacere che quest'oggi vi segnalo l'uscita del Mangelo 2013, la prima guida ai ristoranti di Roma scritta da chi va al ristorante!!!!




In questo utilissimo libricino (da tenere SEMPRE in auto, o nella borsa) c'è anche il contributo mio e di altre foodblogger, Claudia Tiberti, Laura Casaldi, Sara Milletti, Giulia Nekorkina. Con loro (ormai collaudatissime compagne di scampagnate culinarie e non...)  in questi mesi mi son lettaralmente sfiziata!

La guida come dicevo prima non è scritta da critici gastronomici, ma è basata sul giudizio di persone che "in incognito" provano i ristoranti. :)

Ovviamente noi ci siamo occupate di Roma, ma il Mangelo esiste anche di Napoli, Milano, Venezia, Genova etc...

Se volete acquistarlo potete farlo direttamente su QUESTO sito (quì c'è anche il 15% di sconto) o nelle migliori librerie.




mercoledì 24 ottobre 2012

Di vecchi ricettari e di nuove ricette. Torta di cioccolato alla Bernese

Buongiorno a tutti,
succede che la mamma tiri fuori dal cilindro un vecchio ricettario, risalente al 1977 circa.
E succede che questo ricettario sia pienissimo di dolci meravigliosi.
Succede pure che una foodblogger (una a caso) si innamori follemente di questo ricettario, e che voglia provare TUTTE le santissime ricette in esso presenti.



RISULTATO?

ME DOVETE DA SOPPORTA'!!!!!!!!! (antica lingua romana n.d.r)

Sono letteralmente impazzita, sono diventata (ehm, forse lo ero gia...) un'invasata dei dolci, se non li provo tutti penso di impazzire.

Questo è il primo, esperimento riuscitissimo, una torta di cioccolato MOOOOOLTO golosa. Provatela e ditemi. :)

TORTA DI CIOCCOLATO ALLA BERNESE
Ingredienti:

  • 150 gr cioccolato fondente al 70%
  • 50 gr cacao amaro
  • 150 gr burro
  • 250 gr zucchero
  • 6 tuorli
  • 6 albumi
  • 100 gr farina 00
  • burro per ungere lo stampo
  • zucchero a velo per decorare
Procedimento:
Grattuggiate finemente il cioccolato fondente e mescolatelo con il cacao. Poi montate a crema il burro con lo zucchero e, sempre mescolando incorporate i tuorli, uno alla volta. quindi il cioccolato e la farina.
Montate a neve gli albumi e, aiutandovi con una spatola, uniteli al composto di uova e cioccolato. Ungete una tortiera di 26 cm di diametro, stendetevi l'impasto e mettetelo immediatamente in forno caldo a 160° sul ripiano più basso. Cuocete per 45 minuti. A cottura ultimata lasciate raffreddare la torta nel forno spento appena socchiuso. Appena sarà fredda toglietela delicatamente dallo stampo e capovolgetela su una gratella. Decorare con zucchero a velo.
ET VOILA'!!!!!


DSC_2302 blog

lunedì 22 ottobre 2012

#Parmigianoreggianonight. La prima cena 2.0 della storia!!!!!

Buongiorno a tutti e buon lunedì!

Quest'oggi voglio parlarvi di una bellissima iniziativa, la Parmigiano Reggiano Night, la prima cena 2.0 della storia!!!!

Il prossimo 27 Ottobre infatti si terrà una cena VIRTUALE, dedicata ad una delle eccellenze del nostro territorio, il Parmigiano Reggiano per l'appunto.


Prende parte all'iniziativa anche il noto chef Massimo Bottura.

In tutta Italia, da Nord a Sud, da Aosta a Siracusa, tutte le famiglie e gli amanti del Parmigiano saranno calorosamente invitate a preparare una ricetta a scelta tra le numerose proposte del sito del Parmigiano Reggiano. 



Tutti coloro che avranno voglia invece di cimentarsi in una ricetta più elaborata potranno riproporre il Risotto cacio e pepe, ideato del celebre chef Massimo Bottura appositamente per la Parmigiano Reggiano Night. 

Qui il video della ricetta: http://youtu.be/iJMOGSRWe6w

Tutti i cittadini italiani sono invitati a preparare una ricetta e a condividerla, fotografando il piatto e postando le immagini sulla pagina Facebook dedicata, all’indirizzo: https://apps.facebook.com/parmigianonight/

Ora la Parmigiano Reggiano Night promette di coinvolgere l’intera popolazione nella prima cena web 2.0 della Storia, grazie anche al sostegno di Massimo Bottura, uno dei principi della cucina italiana. 

Grazie al riso, cibo umile ma nutriente, emblema del lavoro e della fatica (proprio i valori che in Emilia Romagna in questi mesi stanno conducendo e favorendo la ricostruzione delle case, delle aziende, delle scuole e di tutti gli edifici), e grazie al Parmigiano Reggiano, simbolo di una terra laboriosa e silenziosa ma in grado di produrre vere e proprie opere d’arte, la Parmigiano Reggiano Night potrà prendere vita coinvolgendo uomini e donne, grandi e piccini, veneti e siciliani, abruzzesi e piemontesi, in un fantastico evento reso indimenticabile dal pepe della solidarietà.

Se siete anche dei TWITTERI, l'hastag della serata è #parmigianoreggianonight.

Allora cosa aspettate? Vi aspetto per la cena virtuale!!!!!


venerdì 19 ottobre 2012

Intermezzo EGOgastronomico. Praticamente un tramezzINO.

Ho ancora tanti sogni nel cassetto, mi fanno sentire viva. Mi fanno venire voglia di migliorare, sempre. Tanti l'ho esauditi, e tanti li ho messi da parte, perchè non servono più.

Amo il mio lavoro, lo amo alla follia. Amo essere stanca dopo una giornata di conti. E amo anche dire: "uff che giornata campale oggi".

Amo il mio blog, che è mio, solo mio e di nessun altro, che ho creato dal nulla da sola e di cui sono fiera, e quando mi dicono "ho visto il tuo blog, ma che bello" mi si riempie il cuore. (grazie anche alla mia Maghetta preferita....)

Amo la persona con cui vivo, mi sopporta e sopporta tutte le mie manie, le mie fissazioni e i miei cambi di umore, che alcuni giorni sfiorano la pazzia lo so. Lui sopporta i miei silenzi, e il mio piacere di stare da sola con i miei pensieri, per poi tornare da lui per inondarlo delle mie chiacchere. Amo tutto ciò che abbiamo costruito insieme, con gioia e sacrifici, e con le nostre risate fino alle lacrime.

Amo la mia casa, il mio nido con la mia cucina, in cui mi chiudo a pensare, riflettere e cucinare. Impastare, cuocere, mondare, infornare sono i miei verbi preferiti da un pò di anni a questa parte. Aggiungerei anche "sfrigolare" alla lista.

Amo la mia famiglia, e mia sorella per me molto più di una sorella.
Amo le mie amiche, e i miei cugini e tutte le persone meravigliose che ho avuto la possibilità di conoscere grazie a questo splendido spazio virtuale.

E amo tutti voi, che venite quì, vi fermate, lasciate un commento o date solo una sbirciatina.
E' a voi che dico grazie.

Valentina






martedì 16 ottobre 2012

Cucinando & La giornata mondiale dell'alimentazione. World food day. Crostini di ceci.

Buona giornata a tutti.
Oggi è una giornata molto importante. In oltre 150 paesi infatti  dal 1981 il 16 Ottobre si celebra la Giornata Mondiale dell'alimentazione, giornata che ha lo scopo di sensibilizzare l'opinione pubblica sul problema della fame e della malnutrizione nel mondo, e ha come obiettivo principale incoraggiare le persone, a livello globale, ad agire contro questi problemi.



Ecco perchè in collaborazione con Cucinando abbiamo deciso quest'anno di aderire anche noi come squadra di foodbloggers,  (Sara & Paolo, Ramona, Laura, Agostina, Maky, Sarah, Claudia, Morena),  dedicando una ricetta a base di ingredienti "poveri" ma al tempo stesso nutrienti a questa splendida ed importante ricorrenza.

Io per unire queste due caratteristiche ho pensato al nostro confort food di casa per eccellenza. E' un piatto semplice, facilissimo da preparare ma che ci da gioia, la stessa che vorremmo per tutto il mondo.

CROSTINI DI CECI ALLE ERBETTE
Ingredienti:
  • 200 gr ceci secchi
  • 1 carota
  • 1 costa di sedano
  • 1 piccola cipolla
  • 1 mazzetto di rucola
  • 1 scatoletta tonno (opzionale)
  • sale & pepe
  • olio extra vergine di oliva
  • timo
  • erba cipollina
  • 4-5 fette di pane scuro
Procedimento:
La sera prima mettere a bagno i ceci. Il giorno dopo sciacquarli, metterli in una pentola, coprirli d'acqua e cuocerli per circa due ore. A metà cottura aggiungere la carota, il sedano e la cipolla interi.
Una volta cotti scolarli dall'acqua di cottura e farli raffreddare. In una terrina conditeli con olio, sale, pepe, il tonno sgocciolato e tritato, la rucola, il timo e l'erba cipollina. Servire quest'insalata su dei crostini di pane scuro.

ET VOILA'!!!!

  blog ceci 1

venerdì 5 ottobre 2012

Di autunno e di Londra. Zuppa di funghi con patate e tartufo

Buongiorno a tutti,
oggi post velocissimo. Un'ode all'autunno, ai suoi colori e ai suoi cibi più rappresentativi.

Per festeggiare la nostra stagione preferita io e Gion abbiamo scelto di volare oltremanica, per testare le birre ed i tè inglesi, il fish & chips e gli scones all'ombra del Tower Bridge.

Poi si farà una capatina dalla Betty, si è preso un appuntamento con lei ed il suo maritino Filippo per farsi due chiacchere.

La regina l'altro giorno al telefono mi ha confessato di essere eccitatissima al pensiero di rivedere il sosia di Gionlennon.
E io devo pur accontentarla!!!!! :D

Scherzi a parte vi presento la mia ricettuzza, dandovi appuntamento alla settimana prossima.

Si tratta di una delle nostre ricette preferite, cucinate a dovere in queste splendide pentole di ceramica Emile Henry. 



DSC_2279 blog 1 Purtroppo non avevamo tartufo fresco a disposizione, ma al super si trovano delle ottime creme che fanno il loro ben dovere a sostituirlo.

Provatela, perchè come tutti i miei piatti è semplice e veloce da fare e farete un figurone con i vostri ospiti.

ZUPPA DI FUNGHI CON PATATE E TARTUFO
Ingredienti:
  • 300 gr funghi misti (se avete dei bei porcini freschi, anche meglio...)
  • 4 patate
  • olio extravergine di oliva
  • 1 ricciolo di burro
  • prezzemolo
  • 1 spicchio di aglio
  • sale & pepe
  • 1 lt brodo vegetale caldo
  • 2 cucchiai di crema di tartufo (meglio tartufo fresco se lo trovate...)
Procedimento:
In una pentola far soffriggere un pò d'olio, il ricciolo di burro, il prezzemolo & l'aglio tritati insieme. Aggiungere i funghi, cuocere per due minuti. Aggiungere quindi le patate tagliate a tocchetti e il brodo vegetale caldo.

Cuocere per circa 40-45 minuti, mescolando di tanto in tanto. A fine cottura, prima di servire, aggiungete la crema di tartufi o il tartufo fresco.

ET VOILA'!!!!

DSC_2287 blog 2

mercoledì 3 ottobre 2012

Pastrocchio??? No, Pasticcio. Di riso ovvio. Pasticcio di riso al basilico

Sandraaaaaaaaa!!!! Sandraaaaaaaaaaa!!!

Lui mi chiama Sandra. Eh, lo so che mi chiamo Valentina, ma lui mi chiama Sandra. Come la Mondaini credo (anzi spero hhahahah). Forse perchè ci facciamo un sacco di risate. E nei nostri pomeriggi pigiamati assomigliamo proprio a Sandra e Raimondo.

Ecco perchè la signora del piano di sopra appena son venuta ad abitare qui, nel nuovo palazzo, mi ha chiamato "Signora Sandra". E io "Ma no signora, mi chiamo Valentina" E lei: Ma come signora, ho sentito che il suo fidanzato urla sempre Saaaandraaaa quando la chiama!!!"

Va beh, che ci devo fare. A me in fondo piace.

E mi piace che mi chiama in ufficio, dopo pranzo, e urla "Sandra! che mi fai per cena????"

E ieri ho risposto: "ah stasera faccio una cosa sfiziosa, una bella teglia di riso filante, che ne pensi?"

E lui: "riso filante? in pratica me fai magnà un pastrocchio?????" :D

Amo quest'uomo, alla follia. Da 10 anni oramai. Il pastrocchio non solo l'ha mangiato. Ha fatto il bis, e pure il ter. Perchè il pastrocchio, chiamiamolo col suo nome, Pasticcio, nella sua semplicità è molto sfizioso, e un solo piatto non basta, ve lo assicuro. In più potete arricchirlo con qualsiasi altro ingrediente che avete in frigo, uova sode, prosciutto cotto, o tonno, o comunque con tutto quello che vi suggerisce la vostra fantasia.
A noi piace così, perchè è come se fosse un supplì (se volete la ricetta dei supplì la trovate QUI'....)gigante, ma al forno.

PASTICCIO DI RISO AL BASILICO
Ingredienti:
  • 200 gr riso carnaroli
  • 350 ml passata di pomodoro
  • 400 gr mozzarella
  • 1 spicchio di aglio
  • olio extra vergine di oliva
  • sale & pepe
  • un mazzetto di basilico
Procedimento:
E' davvero un piatto di una semplicità disarmante. Lessare il riso in abbondante acqua salata. Scolarlo molto molto al dente e farlo raffreddare steso un panno asciutto. Preparare il sugo. Padella antiaderente, olio, soffriggere l'aglio, aggiungere la passata. Salare & pepare. Aggiungere il basilico. Cuocere per 15 minuti. Far raffreddare.
Unire il sugo al riso. In una teglia da forno mettere uno strato di riso con il sugo. Fare uno strato con metà della mozzarella tritata. Poi altro strato di riso e ancora uno di mozzarella.
Infornare in forno caldo a 220° per 5-7 minuti.

ET VOILA'!!!!


DSC_2272 blog pastrucchio

mercoledì 26 settembre 2012

Cucinando con i bambini, piccoli chef ai fornelli! Torta facilissima e buonissima

Bambini & Bambine!!!
Pupi & pupe!!!
Pupinini & pupinine!!!
Ammmmè!!!!

Oggi vi presento un nuovo contest, targato Cucinando, e proposto dalla beddazza più beddazza che c'è, Claudia Magistro di Scorza D'arancia ed in collaborazione con WMF .



Il contest inizia il 25 Settembre e si conclude il 20 Novembre, in concomitanza con la giornata mondiale dell'infanzia.

In cosa consiste? Si tratta di realizzare una bella ricettuzza con i vostri figli o i vostri nipotini, spegnete la televisione, mettetegli un bel cappello da chef, una parannnnnnanza e il gioco è fatto, preparate magari insieme il loro piatto preferito, o un piatto che adorano fare insieme a voi!!!

Al contest può partecipare chiunque, che abbiate un blog o no.

Per chi possiede un blog basterà postare la propria ricetta con il banner ed il link a QUESTO post, corredandola ad una foto del piatto finito e delle creature all'opera.

Per chi non possiede un blog basterà mandare il tutto a cla.magistro@gmail.com.

Facile no????

Ma veniamo ai premi:

PRIMO PREMIO:


 
SECONDO PREMIO:

WMF PermaDur Gourmet 
padella bassa 28 cm


TERZO PREMIO:
Set cottura biscotti 11 pezzi
Stampo cioccolatini cofanetto pralines 1,2,3
Stampo cioccolatini fiore pralines 1,2,3
Spatola 25 cm in legno patisserie
(appena saranno disponibili pubblicherò le foto) 

La giuria, coadiuvata da Valentina, Riccardo & Lory, è formata dagli altri foodblogger di questo (fatemelo dire.... :D ) splendido gruppo:


E a tal proposito vi posto una ricettina facile facile, della torta più semplice e più buona e più morbida e più sofficiosa del mondo. Quella per la colazione ma anche per la merenda, quella che si, potete anche anche addentare dopo cena. La classica torta che può fare anche un bambino. :)

TORTA FACILISSIMA E BUONISSIMA:
Ingredienti:
  • 3 uova
  • 200 gr zucchero
  • 200 gr farina 00
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • la scorza di un limone
  • 1 vasetto di yogurt bianco
  • 50 gr burro
Procedimento:
In una ciotola sbattere le uova con lo zucchero. Aggiungere la farina setacciata, la scorza grattuggiata del limone, il burro fuso (freddo). Mescolare quindi il lievito con lo yogurt e aggiungerlo al composto.
Versare il tutto in una teglia tonda (circa 20 cm di diametro) precedentemente imburrata e infarinata.
Cuocere in forno caldo a 180 ° per 40 minuti.

ET VOILA'!!!!



DSC_2246blog

martedì 18 settembre 2012

33 Blogger, con 33 racconti di viaggio e 40 torte. C'è tort@ per te 2

Cosa ci fanno 33 blogger con 40 torte e 33 racconti di viaggio?

Fanno un libro, e destinano tutto il ricavato del libro in beneficenza, per la ricerca contro il cancro al seno, precisamente allo IEO. E quando si ritrovano finalmente tutte(i) insieme che fanno? SFORNANO TORTE!!!!!

Torno infatti da un weekend meraviglioso, in cui abbiamo per l'appunto cucinato, riso, mangiato e scherzato, pianto e ci siamo emozionate. Un ringraziamento particolare a Vallè che ha organizzato tutto anche nei minimi dettagli e alla Cucina Italiana che ci ha ospitato.

Ed ecco un pò di fotine...

Questo è libro, che è in vendita nella migliori librerie e on line, QUI' e QUI'.



518oL57acvL__SS500_

Vari bloggers al lavoro...

Blog 4

L'amicizia è una cosa meravigliosa, in cucina poi è ancora più bella....

DSC_2198 blog 1


Un grazie a Ramona, per aver "colto l'attimo" in questa foto.... :)

vale uovo


Buona giornata a tutti!!!!


DSC_2194

giovedì 13 settembre 2012

Cioccolato & caffè, matrimonio perfetto. Torta nera al cioccolato e caffè

Buongiorno a tutti e buon autunno!!!!


DSC_2173 blog 2


Il post di oggi parla di matrimonio, non certo il mio, non mi permetterei mai di sposarmi senza dirvelo.... hihihihi  :D

Il matrimonio di cui parlo è quello tra la cioccolata fondente e il caffè. Immagino che tutti abbiante capito la mia passione sfrenata per il caffè, dal titolo del blog non è un segreto. E immagino sappiate gia che io sono una purista della magica tazzina nera, per me il caffè va preso ristretto, amaro e bollente.

Ogni tanto però faccio un'eccezione, e questo è uno di quei casi.

La ricetta in questione mi è stata donata dalla mia cognatina di Bologna, ed io l'ho un pò modificata, in quanto la sua non prevedeva l'utilizzo del caffè. Si tratta di una torta CIOCCOLATOSISSIMA. :D

TORTA NERA AL CIOCCOLATO E CAFFE'
Ingredienti:
- 150 gr cioccolato fondente (70%)
- 150 gr burro
- 3 uova
- 1 pizzico di sale
- 80 gr zucchero
- 1 cucchiaio di maizena
- 3-4 tazzine di caffè amaro ristretto

Procedimento:
In una pentola sciogliere a fuoco basso il cioccolato, fatto a pezzi, con il burro, fino a formare una crema. Lasciar raffreddare. Montare a neve le chiare con un pizzico di sale. Conservare in frigo. Sbattere quindi i rossi con lo zucchero e la maizena, formando un composto spumoso. Aggiungere la cioccolata con il burro e le tazzine di caffè. Riprendere le chiare e unirle al composto, mescolando dal basso verso l'alto per non smontare il tutto.

Versare il tutto in una pirofila tonda, potete imburrarla o potete fare come ho fatto io, foderarla con della carta forno. Cuocere in forno caldo a 180° per 30 minuti.

ET VOILA'!!!!



DSC_2169 blog1


lunedì 10 settembre 2012

C'è torta per te 2!!!!!!!!!!

E' con immenso piacere che vi invito, Milanesi e non, a questo imperdibile evento!!!!
Venerdì 14 Settembre alle ore 18,30 presso la Mondadori di Piazza Duomo a Milano ci sarà la presentazione di questo DOLCISSIMO ricettario delle bloggers (pure ioooooooooooooo!!!!!!).

venite a trovarci, ci sarà anche un assaggio di torta :D

Vallè inoltre devolverà il ricavato della vendita del libro alla fondazione IEO di Umberto Veronesi, per sostenere la ricerca sul tumore al seno.

VI ASPETTIAMO NUMEROSI!!!!!!!!!!!!!

valle

martedì 4 settembre 2012

Nel centro di Bologna non si perde neanche un bambino. Tigelle

Adoro Bologna.

E' la città che preferisco in assoluto. Ogni volta che vado mi sento come a casa, e ciò non è una cosa semplice per me, che vivrei in ciabatte sul mio divano perennemente. :D

Bologna è la città dei miei cognati, dove ogni tanto io e  Gion piantiamo le tende.

E Bologna è la mia città del cibo per eccellenza, con le sue piadine, il suo mascarpone, il suo squacquerone (premio nobel all'inventore dello squacquerone!!!) e soprattutto le sue TIGELLE!!!

E' proprio nell'ultimo dei miei viaggetti da quelle parti che ho deciso FINALMENTE di comprare lo stampo per le tigelle. Mi chiedo come mai non l'abbia fatto prima....

E per fortuna la mia cognatina Alessandra aveva una ricetta PERFETTA per le tigelle, che ho fatto non appena rientrata a casa, per una cena con gli amici.

Il risultato è stato strepitoso, ve lo assicuro, io ne ho fatte un bel pò, sotto sua indicazione, e quelle che sono avanzate le ho congelate. Quando servono le tiro fuori e le scaldo, e sembrano appena fatte, una bella comodità.

TIGELLE
Ingredienti per circa 12 tigelle:
- 400 gr farina 00
- 1 bicchiere di latte tiepido
- 1 panetto lievito di birra
- 2 cucchiaini sale
- 1/2 cucchiaino zucchero
- 1 cucchiaio olio extra vergine di oliva

Procedimento:
Sciogliere il panetto di lievito nel latte tiepido insieme allo zucchero. Lasciar riposare 5 minuti.
In una ciotola impastare quindi la farina con il sale, l'olio e il composto di latte e lievito. Formare un panetto che lasceremo riposare per circa 2-3 ore.
Riprendere la pasta e formare 12 palline che stenderemo poi della dimensione dei fori dello stampo.
Prima di usare lo stampo ungere ambedue le parti con dell'olio, poi scaldarlo circa un minuto per parte.
Introdurre le prime tigelle a fiamma bassa per non bruciarle, girando lo stampo. Controllare la cottura e quando le tigelle avranno formato una crosticina dorata, ecco, sono pronte da togliere, e quindi riempire di nuovo lo stampo con le altre.

ET VOILA'!!!!!


DSC_2158 blog1

E questo è lo stampo...

DSC_2165blog 2

martedì 28 agosto 2012

Cerbero, Caligola & co. Ma mai senza Parmigiana di melanzane

Buongiorno a tutti e buon rientro!!!!!
Avete passato delle splendide vacanze?

Le mie, come al solito, essendo la pigrizia e l'ozio fatte persona, sono state all'insegna del relax, in una casa meravigliosa (grazie cognati!!!!) incastonata in una montagna, circondandata da ettari ed attari di bosco, scoiattoli, e tutta la flora e la fauna possibile ed immmmmmaggggginabile.

Tornata (ahimé) in ufficio da oramai una settimana è giunta l'ora di tornare anche alle vecchie e sanissime abitudini, tra cui la cucina, il buon mangiare (secondo voi ho smesso di cucinare e mangiare con tutto stò caldo? GIAMMAI!!!!!) e soprattutto il mio splendido blog nonchè voi, miei amati amici e lettori!!!!

E come non tornare con un classicone che sfida i 40° gradi esterni????

Ebbene si, ho avuto il coraggio di friggere alla presenza di Caligola, Cerbero, Scipione e tutte le simpaticissime ondate di caldo. Un'autunnista CONVINTA come me non può che odiare l'estate normalmente, figuriamoci quest'anno.

 Ma ci sarà un motivo per cui le melanzane sono una verdura estiva no???? E quindi che Parmigiana sia.

PARMIGIANA DI MELANZANE
Ingredienti:
  • 4 melanzane di media grandezza
  • olio di semi per friggere
  • farina qb
  • Passata di pomodoro
  • basilico
  • sale
  • pepe
  • 4-5 cucchiai olio extra vergine di oliva
  • 1 spicchio aglio
  • 3-4 bocconcini di mozzarella di bufala (quanto è buona la parmigiana con la bufala!!!!!)
  • parmigiano qb
Procedimento:
Per prima cosa preparare un sughetto veloce: in una padella antiaderente soffriggere legermente l'aglio, unire la passata, salare, pepare e aggiungere il basilico (a piacimento). Cuocere fino ad addensare la salsa (ci vorranno circa 10-15 minuti...)
A questo punto tagliare le melanzane a fette di circa 1/2 cm, passarle nella farina e friggerle in una padella con l'olio caldo.

Salare leggermente le fette fritte. Far raffreddare.

In una terrina versare un cucchiaio di passata, uno strato di melanzane, della mozzarella tagliata a dadini, altra passata e parmigiano grattugiato. E così via fino ad esaurimento degli ingredienti.Io solitamente faccio un bel pò di terrine così me le surgelo...

Cuocere in forno caldo a 200° per circa 10-15 minuti.

La parmigiana si può mangiare fredda, calda tiepida, subito scottandosi la lingua, o il giorno dopo riscaldata (ancora meglio).

ET VOILA'!!!!

DSC_2146 blog

PS in parecchi mi hanno chiesto la provenienza di questa terrina. E' di Emile Henry, e la trovate dai miei amichetti di CUCINANDO. Vale e Ric, (oltre ad essere due bonazzzzoni da paura hihihihihihi) hanno il negozio on line più figo del mondo, il paese dei balocchi di tutti gli appassionati  di cucina :) Fateci un saltino, non ve ne pentirete....

mercoledì 25 luglio 2012

A qualcuno piace....freddo!!!! Pennucce con melanzane, menta e ricotta salata.

Non che l'estate sia in assoluto la mia stagione preferita. Vi ho gia detto svariate volte di essere un'AUTUNNISTA convinta.

Ma è innegabile.

D'estate posso permettermi di mangiare uno dei miei piatti preferiti. L'insalata di pasta.
Ecco perchè ne faccio di ogni tipo, e quasi tutte le sere è un piatto presente sulla mia tavola, da Giugno a Settembre, e la faccio anche tutte le volte che devo portare qualcosa al mare o ad un pic-nic. :)

Questa quì l'ho assagiata durante una splendida giornata alla città del Gusto, Gambero Rosso, Roma, insieme a tante altre amiche blogger.

Non potevo non rifarla. DOVEVO.


PENNUCCE CON MELANZANE, MENTA E RICOTTA SALATA
Ingredienti:
  • 300 gr. pennucce
  • 3 melanzane di media grandezza
  • 100 ml passata di pomodoro
  • 1 spicchio aglio
  • olio extra vergine di oliva
  • sale & pepe
  • 80 gr ricotta salata
  • unmazzetto di menta
Procedimento:
Lessare la pasta, scolarla e lasciarla raffreddare ben distesa su un canovaccio.
Tagliare le melanzane a cubetti piccoli e soffriggerle in una padella antiaderente insieme all'olio extravergine di oliva e all'aglio per circa 10-15 minuti. Una volta rosolata aggiungere la passata di pomodoro, salare e pepare. Cuocere per altri 10 min a fuoco lento. Spengere il fuoco. Una volta raffreddato unire il sugo alla pasta oramai fredda. Aggiungere la ricotta salata grattuggiata e la menta tritata. Lasciar riposare un paio d'ore in frigo prima di servire.

ET VOILA'!!!!


DSC_2001blog

E BUON APPETITO DA ME E GION!!!!!!!


DSC_1974blog

giovedì 5 luglio 2012

..tre settimane...da raccontaree.. Cous cous integrale con pesto, cipolla di tropea e pachino

...Tre settimane
da raccontare
un'estate un dolcissimo amore
Tu ti avvicini e mi abbracci
mi guardi e sorridi
e mi hai perdonato già ...
Il sole si nasconde dietro al molo
La luna fa una virgola nel cielo
e noi viviamo la nostra canzone
che non finirà.....


Questa per me, e per tante persone a cui voglio un bene dell'anima (loro sanno) è la canzone dell'estate per eccellenza. Una canzone che mi fa venire in mente il mare. La spiaggia. La nostra spiaggia di Sabaudia. Una bambina che corre e noi che prendiamo il sole. In questo posto che io identifico con il paradiso delle spiaggie.

Questa è per te. E' la tua canzone. Che non finirà. Ti voglio bene. E soprattutto Buon compleanno

COUS COUS INTEGRALE CON PESTO, CIPOLLA DI TROPEA E POMODORI PACHINO
Ingredienti:
  • 150 gr cous cous integrale precotto
  • 250 ml brodo vegetale
  • un bel mazzo di basilico pinoli
  • pecorino romano
  • 1/2 spicchio d'aglio
  • olio extravergine di oliva
  • pomodori pachino
  • 1/2 cipolla di tropea
Procedimento:
Per prima cosa preparare il cous cous. Portare a bollore il brodo e versarlo sul cous cous. Coprire e lasciar riposare per circa 20 minuti, finchè il brodo non si assorbe completamente.
Preparare il pesto. In un bicchiere per minipimer mettere il basiloco spezzato grossolanamente, i pinoli, il mezzo spicchio d'aglio, abbondante olio extravergine di oliva e il pecorino grattugiato. (se non vi piace il formaggio potete anche evitarlo....) Frullare fino a ridurre il tutto molto sminuzzato.
Con questo pesto condire il cous cous integrale, in seguito unire i pomodori pachino a pezzettini e la cipolla tritata.

ET VOILA'!!!!



DSC_1825blog

mercoledì 27 giugno 2012

Provatela con l'arancia. Cacio e pepe con alici, arancia e fiori di zucca

La prima volta che ho provato questo piatto è stato in un ristorante.
E come succede ogni volta che provo andando a cena fuori un piatto che mi piace (da matti, mi piace da matti!!!!) appena torno a casa devo fare anche l'impossibile per farlo identico.

E questo è il caso di questa cacio e pepe. Ho provato, riprovato e straprovato finchè non ce l'ho fatta.

CACIO E PEPE CON ALICI, ARANCIA E FIORI DI ZUCCA.
Ingredienti per 4 persone
  •  400 gr vermicelli
  • 250 gr alici fresche, pulite e tagliate a pezzi
  • la buccia di un'arancia
  • pecorino romano
  • pepe a iosa
  • 1 spicchio aglio
  • 1/2 bicchiere vino bianco
  • sale
  • olio extravergine di oliva
  • 6 fiori di zucca
Procedimento:
Tagliare la buccia dell'arancia a listarelle molto sottili e soffriggerla in una padella antiaderente insieme all'aglio. Aggiungere le alici, e cuocerle. (ci vorranno 2 minuti di orologio). Salare e pepare. Scolare le alici dall'olio e tenerle da parte. Aggiungere nella padella i fiori di zucca tagliati a pezzetti. Unire il vino, alzare la fiamma e far evaporare.

Cuocere i vermicelli, scolarli molto al dente e mantecarli nel sughetto. Aggiungere le alici, spegnere la fiamma e spolverizzare il tutto con il pecorino.

ET VOILA'!!!!


DSC_1814blog



LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Pinnami!!!!!

Vuoi stampare questa ricetta?