venerdì 22 aprile 2011

Cucinando a casa mia per Pasqua - La torta di nonna Michela

Buongiorno a tutti.

La storia di questa torta è una di quelle storie che mi prendono allo stomaco, in senso positivo ovviamente. E mi provocano un misto tra gioia, sorrisi ma anche tanta malinconia. Anzi più che malinconia quella che sento è proprio una mancanza direi quasi fisica.

Questa è la nostra TORTA DI PASQUA. Quella che noi cugini aspettavamo tutto l'anno. Quella che dopo il primo morso ti sentivi felice.

Ecco perchè quando Riccardo e Valentina di Cucinando ci hanno suggerito di presentare sul blog la "nostra" ricetta, quella cioè che rappresenta per noi questo giorno di festa, io non ho indugiato, e sono andata dalla zia di mamma (88 anni, in questi giorni fa pastiere come se ne avesse 25...), e le ho chiesto di fare insieme la torta che faceva nonna Michela.

Devo dire la verità, questa non è propriamente uguale all'originale, perchè il copyright è difficilissimo da "sforare", in quanto la nonna in questione preparava i suoi meravigliosi dolci A OCCHIO.

Nessuna di noi nipoti infatti è stata mai in grado di riprodurla, anche se, ammetto, questa della zia è una perfetta imitazione.

Questa torta la dedico ai miei meravigliosi cugini, che amo davvero tanto (includo anche la mia amata sorellina...) e a nonna, che è sempre, costantemente con noi, e che ricordiamo con felicità tutti i giorni.

Torta sfogliata alla crema

Ingredienti per la base:
  • 300 gr farina 00
  • 3 uova
Ingredienti per "il coperchio":
  • 200 gr farina 00
  • 2 uova
  • 100 gr zucchero semolato
  • 30 gr burro sciolto
Ingredienti per la crema pasticcera:
  • 3 uova
  • 3 tuorli
  • 75 gr farina 00
  • 500 ml latte
  • la scorza grattugiata di un limone
Procedimento:

Per prima cosa preparare la crema pasticcera. Bollire il latte con la scorza di limone. Sbattere le uova con lo zucchero e la farina e unire il composto al latte caldo. Rimettere sul fuoco e cuocere la crema fin quando si addensa. Passarla in un colino per eliminare la buccia di limone e far raffreddare.
A questo punto preparare la base. Mettere la farina a fontana sulla spianatoia, all'interno rompervi le uova ed impastare fino a formare una palla. Far riposare in frigo circa 30 minuti. Il "sotto" di questa torta è una sfoglia salata, infatti ricordo bene che nonna ne preparava sempre un pò in più e lo utilizzava per fare le fettuccine per pranzo...
Stendere questa sfoglia (circa mezzo centimetro) e foderare uno stampo per crostata da 25 cm. Riempire lo stampo con la crema.
Preparare il coperchio. Questa è la parte "difficile" del dolce in questione, in quanto la preparazione ricorda (vagamente) la sfoglia che si fa per le sfogliatelle napoletane.

Si impastano gli ingredienti fino a formare una palla e si fa riposare in frigo per 30 minuti. (la differenza tra la base il coperchio sta nella presenza dello zucchero....).

Si stende sulla spianatoia questa "sfoglia" e si iniziano e formare delle "fettuccine" di pasta, unendole l'una all'altra a mò di spirale (per unirle utilizzare un pochino di burro). Quando si è formato un bel cerchio, passarvi DELICATAMENTE sopra il mattarello per unire ancora meglio queste "fettuccine".
Coprire quindi con questo coperchio la torta, spennellare con il burro rimasto, cospargere di zucchero e infornare a 180° per circa 40 minuti, o comunque fino a doratura.

ET VOILA'!!!

P1010581

Con questa ricetta auguro a tutti una serana Pasqua.
A presto!!!!

21 commenti:

  1. ciao! mi sono appena collegata e ho trovato questa splendida torta :)) che bell'inizio di giornata!:) buona Pasqua!!

    RispondiElimina
  2. Ma che bella, questa torta è una meraviglia, molto originale. Si vede che è "di tradizione"! Tanti auguri di Buona Pasqua.

    RispondiElimina
  3. Una bellissima torta, immagino la bontà... grazie per questa magnifica ricetta! Buona Pasqua

    RispondiElimina
  4. Bellissima davvero! Quando poi di mezzo ci sono i ricordi allora è anche speciale! Un abbraccio e buona Pasqua!

    RispondiElimina
  5. E Nonna Michela avrebbe detto " E che ce vò!!!"
    Brava Valentina per la tua copia ...... conforme all'originale!
    Ti voglio bene anche io
    Tua cugina Roberta e ............ Filippo!!!!

    RispondiElimina
  6. :-O che meraviglia questa torta!!! bravissima!
    ti lascio anche i miei auguri per una serena Pasqua a te e famiglia.
    baci.

    RispondiElimina
  7. Leggendo...ancora riesco a sentire il sapore dell'originale...
    ecco cose hai preso da lei..sei una cuoca fantastica!!!
    Ti voglio bene...tanto
    Alessandra..la piccoletta di casa!!!

    RispondiElimina
  8. ma che splendida torta piena di dolci memorie.

    RispondiElimina
  9. Vale.. ma ha un aspetto favoloso.. e visto gli ingredienti mis a che è pure buona!! ahahah.. Buona Pasqua cara :-D tanti bacini

    RispondiElimina
  10. URPINA....TUTTO BELLO..MA QUANDO LA AZZANNIAMO LA TORTA?????

    RispondiElimina
  11. Dear Valentina, this is a beautiful Easter cake!
    I hope you have a very happy and blessed holiday!
    Thank you for adding my link to your blog, I have added your site to mine as well! And thank you for following! I am following you also!
    Ciao!
    xx,
    Tammy

    RispondiElimina
  12. P.S.
    You have a very beautiful site, filled with many delicious and pretty recipes and pictures!

    RispondiElimina
  13. Bellissima ! la torta e la dedica...buona Pasqua

    RispondiElimina
  14. Ma che bella, non avevo mai visto questo tipo di decorazione! Brava a tramandare le tradizioni di famiglia, certe ricchezze non possono perdersi! Buona Pasqua, cara,


    tania

    RispondiElimina
  15. Ma che bella ricetta.... dev'essere buonissima e scrocchiarella. Buona pasquaa te ed a tutti i tuoi lettori.

    RispondiElimina
  16. Che meraviglia, w nonna Michela!
    Tanti auguri di buona Pasqua anche a te!

    RispondiElimina
  17. Tantissimi auguri di Buona Pasqua e complimenti davvero per questa fantastica torta!

    RispondiElimina
  18. Una meravigliosa visione artistica-mangereccia :)

    Bacio e buona giornata
    diariodicucina.blogspot.com

    RispondiElimina
  19. Amo questi racconti condivisi. Queste emozioni e storie. Amo l'immagine di una donna a 88 anni che sforna pastiere.
    Perchè è così che vorrei terminare la mia esistenza. Dando una ricetta ad una meraviglia come te.
    E sfornando per chi amo pezzi di sogni.
    Grazie.
    grazie per questo racconto.
    Ti abbraccio fortissimo

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Pinnami!!!!!

Vuoi stampare questa ricetta?