lunedì 18 marzo 2013

Pane a lievitazione naturale con "Le Pain" di Emile Henry

Buongiorno a tutti e come sempre buon inizio di settimana!!!!

Weekend uggioso, ideale da passare tra divanolandia e cucina, praticamente, come ho sempre detto, la mia condizione ideale!!!!!
In famiglia sono additata come "anZiana" e "pigra". Io Pigra?
Si sono Pigra. E per fortuna ho un futuro marito pigro, e adesso anche una micia pigra.
Avete visto la mia micia? Siamo ufficialmente innamorati. E' una persiana a pelo corto, nera come la pece, e lucida come una Ferrari fiammante. Devo dire la verità, appena entrata a casa da buona femminuccia si è attaccata come una cozza a Gion, si sono uniti e non si sono più lasciati :D

Eccola quì:

Vale & Miss Lemon


ehm.
Scusate la divagazione miciosa. Di cosa dovevamo parlare? Ah.

Di questo aggeggino strepitoso, che è arrivato a casa mia venerdì. Ed io l'ho subito provato domenica mattina, con uno strepitoso risultato.

Si tratta di "Le Pain" Di Emile Henry, azienda che amo tantissimo, per il suo design moderno e al contempo "classico" e soprattutto per la sua funzionalità.

"Le Pain" è uno stampo per pane che permette di preparare e cuocere il pane nel forno di casa, e di averlo croccante come appena sfornato dal fornaio!
Realizzato in ceramica Flame® è dotato di una cupola non smaltata che garantisce una costante umidità durante la cottura rendendo il pane frangrante fuori e morbido dentro.



PANE A LIEVITAZIONE NATURALE
Ingredienti:
  • 400 gr farina manitoba
  • 100 gr farina di grano duro
  • 150 gr lievito madre rinfrescato circa 2-3 ore prima
  • 350-400 ml acqua tiepida (quella che la farina è in grado di assorbire)
  • 1 cucchiaino olio extravergine di oliva
  • 10 gr sale
  • 50 gr di farina 0 per infarinare pane e vassoio "Le pain"
Procedimento:
Se avete la planetaria, usatela :D, altrimenti si può impastare anche a mano.
Nella ciotola mettere le farine, il lievito spezzettato grossolanamente e impastare aggiungendo l'acqua un pò alla volta. Una volta che l'impasto è "incordato" aggiungere il sale e l'olio. Continuare ad impastare per circa 5 minuti. Spegnete l'impastatrice e fate riposare l'impasto ancora dentro la ciotola per circa un'ora.
Prelevatelo e sulla spianatoia impastatelo ancora leggeremente, aggiungendo della farina se serve.
Dategli la forma di una pagnotta, infarinate la base del "Le pain" e adagiatelo sopra.
Praticare dei tagli sulla pagnotta. (se volete a questo punto spennellate con un pò di latte, io non l'ho fatto).
Chiudete la cupola e lasciate riposare per 3-4 ore.

A questo punto infornate in forno statico caldo a 240° per 50-60 minuti.

ET VOILA'!!!!!!!!!!


IMG_2985.jpg blog

E adesso (come diceva qualche giorno fa su Facebook "Claudia", un pò di ringraziamenti:
In primis Valentina e Riccardo di Cucinando, che con tanto amore e passione per il loro lavoro hanno dato vita a questa splendida Squadra di foodblogger:

Pippi di Io così come sono
Claudia di Scorza d’arancia
Morena di Menta e cioccolato
Ramona di Farina Lievito e Fantasia
Sarah di Fragola e Limone
Sara e Paolo di Fico secco e uva passa
Maky di Zenzero e cannella
Agostina di Pane burro e marmellata
E io :D

Foto By Ramona Pizzano ©


Emile Henry, che ci fa provare sempre dei prodotti strepitosi.
E last but not least Laura Adani, grazie alla quale sono iniziate un sacco di cose interessanti e amicizie vere e sincere. :D

31 commenti:

  1. Ma quella miciaaaa?! Troppo troppo bella, ha degli occhioni incredibili.

    Il pane ti è venuto bellissimo sembra avere una crosta fragrante da sogno. Buona settimana Vale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille tesoro!!!!! e buona settimana a te!!!!

      Elimina
  2. Che bel post,ricco di tante belle cose ,mi piace il gattone,il marchingegno magico per la lievitazione e le foto di questa bellissima sqaudra,complimenti.
    Z&C

    RispondiElimina
  3. la miciazza mi ha rubato il cuore ma tu di più *_*
    Adesso andiamo a quella meravigliosa pentola per fare il pane...è poggiata sulla credenza perchè è talmente bella da potere essere usata come sopra_mobile, lucida e rossa. Bellissima solo a taliarla immagino a usarla *
    splendido il tuo panuzzo
    gnam
    Cla

    RispondiElimina
  4. La micia è stupenda, adoro i gatti neri! Non conoscevo questa teglia da pane, sembra molto pratica da usare e il pane perfetto...

    RispondiElimina
  5. Meraviglioso pane...perche' non partecipi al mio giveaway???bacio!

    RispondiElimina
  6. Sembra veramente appena sfornato dal mio panettiere..

    Not Only Sugar

    RispondiElimina
  7. ti perdonerei tutte le divagazioni del mondo! mi piace un sacco leggerti! hai una freschezza bellissima nello scrivere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma grazie mille!!!!!!!!!! che carina che sei.... <3 <3 <3 <3

      Elimina
  8. Mamma mia Vale.. la miciona quanto è bella.. che occhioni.. sa de furbetta!!! belle pure voi.. squadra de foodblogger!!!! Per il pane.. bello.. si vede che ha la crosta croccante.. che particolare metodo di cottura in quella pentola.. un bacione :-)

    RispondiElimina
  9. Il profumo arriva fino a qui! Complimenti a te ed alla squadra. Ti abbraccio forte, Laura

    RispondiElimina
  10. ma che bella miss lemon!!!!! e questo pane?? bellissime tutte le altre foodbloggers!!! p.s. ma quando ci rivediamo????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tesor bello, è vero, mi manchi!!!!!!!!! speriamo di riuscire a vederci presto sigh....

      Elimina
  11. Valentina, non so se è più bello il pane (ci sto lavorando anch'io :), la splendida micia o il nuovo team goloso! Un caro saluto e un immenso in bocca al lupo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Annamaria!!! crepi il lupo e un abbraccio stretto a te!!!!!

      Elimina
  12. Miss Lemon è stupenda, se la vedesse Alice Ginevra se ne innamorerebbe all'istante e non la lascerebbe un secondo, lei adora i gatti, anche quello della nonna che non si lascia toccare perchè traumatizzato dal precedente proprietario.
    Ma torniamo a noi, quella pagnotta è una meraviglia, ci vuole pazienza e attesa, ma sono ben ripagate quando il risultato finale è questo!
    Baciotti e buon fine settimana
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  13. Finalmente riesco a curiosare nel blog e sì che se avessi letto prima l'avrei saputo di quel "futuro marito"! Sono felicissimissima!

    Sto già cercando on line "Le Pain", mi piace tanto!
    Un bacio Vale!!! <3
    Fra

    RispondiElimina
  14. Avrò provato a fare il lievito madre in casa almeno dieci volte e ancora non ci sono riuscita. Il tuo pane è venuto bellissimo. e anche miss Lemon è molto carina. Ti seguo da Trapani.

    RispondiElimina
  15. Buona Pasqua! Quest'anno l'uovo di Pasqua ti riserva un nuovo premio per il tuo blog...vieni a trovarmi! ;-)
    http://wp.me/p2Q6dl-bQ
    L'alveare delle delizie

    RispondiElimina
  16. che bontà!! Niente di megio che una fetta di pane appena sfornato....
    Che bel blog ...!!Vorrei invitarti a passare da me, se ti va, e magari potremmo seguirci a vicenda!
    Federica smartchicdietreadbooksandfly.blogspot.it

    RispondiElimina
  17. Ciao Valentina sono Patrizia e abito anch'io a Latina. Prima di comprare Le Pain volevo sapere:
    - quindi l'impasto può lievitare direttamente nello stampo per poi inserirlo "a freddo" nel forno, giusto? (la mia preoccupazione è che vada riscaldato prima di mettere l'impasto)
    - la capienza massima? Per un pane di 1,600 grammi a crudo andrebbe bene?
    Grazie.

    RispondiElimina
  18. Ciao Patrizia!
    Allora, si. l'impasto lievita direttamente nello stampo e si mette "a freddo" nel forno. Ti consiglio, sulla base, di mettere un abbondante strato di farina. Fino ad ora ho fatto impasti con max 1 kg di farina. Spero di esserti stata utile.
    Buona giornata :)
    Vale

    RispondiElimina
  19. ciao Sono Elena di Ge mi ha passato il tuo link la Cla:Magistro dalla quale ho preso lo spunto per regalarmi la pentola per fare il pane di Emile Henry (tra l'altro l'ho comperata scontatissima e in un giorno l'ho ricevuta. Miracoloooo!) Siccome sono una fanatica del lievito madre vorrei sapere quanta farina usi tu, e quale dose per il lievito madre. Inoltre vorrei sapere inforni la pentola a forno già caldo oppure la inforni a forno freddo? Ti ringrazio con affetto Elena
    p.s.- anche io possiedo una micia tutta nera piccolina che mi sembra una scarpa di vernice tanto è lucida, però non è nobile come la tua! e' una trovatella a cui siamo tutti molto affezionati così lei ne approfitta e fa quello che vuole. C'è un detto che dice che i cani hanno i padroni e i gatti i "servi", mai parole più vere.............

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena!
      dunque io per rinfrescare il lievito madre (una volta a settimana) utilizzo lo stesso peso del lievito in farina e la metà in acqua. In pratica è come se "raddoppiasse". Poi dopo circa 3 ore dal rinfresco (lasciato a temp. ambiente) posso utilizzarlo. Mi regolo così: utilizzo circa 150gr di lievito madre ogni mezzo kg di farina per pane pizza e dolci. se hai bisogno di altre info sono qui, scrivimi pure su valentina.brida@gmail.com
      ciao e grazie per essere passata da me!!!!


      ps "i cani hanno i padroni e i gatti i "servi" è un detto bellissimo, parole sante!!!!!!

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Pinnami!!!!!

Vuoi stampare questa ricetta?