martedì 26 aprile 2016

Primavera o autunno inoltrato? Ciambellone morbidissimo.

Buongiorno a tutti e buona settimana di Novembre Aprile!
Durante questo weekend lungo ha fatto freddo, non sembrava affatto 25 Aprile ma 25 Novembre.... Si amo l'autunno, ma amo anche il tepore della Primavera....e il vento freddo che ha caratterizzato questi giorni non mi è piaciuto per niente....

Chiusi forzatamente in casa causa influenza della teppista bionda di Maria, aprendo il frigo mi sono accorta di avere della panna fresca in scadenza.

Non mi son fidata di mangiarla cruda, quindi ho cercato tra i miei appunti di cucina trovando questa infallibile ricetta.
Un ciambellone morbido morbido, per la colazione la merenda e buono per il dopocena vi dirò :)

Eccolo qua:

CIAMBELLONE MORBIDISSIMO

Ingredienti:
  • 3 uova
  • 220 ml panna fresca
  • 250 g farina
  • 170 g zucchero di canna
  • 1 bustina lievito per dolci
  • 70 ml olio di semi
  • la scorza di un limone grattugiata
Procedimento:

Montare a neve ben ferma le chiare delle uova. Conservare in frigo. Montare per 10 minuti i rossi d'uovo, lo zucchero e la scorza del limone grattugiata.
Aggiungere la farina ben setacciata, la panna (non montata) e l'olio. Montare altri 3-4 minuti. Aggiungere il lievito.
A questo punto con una spatola, con movimenti dal basso verso l'alto incorporare le chiare d'uovo al composto.

Mettere il tutto in uno stampo per ciambellone di diametro 22-24 cm ben imburrato ed infarinato.

Cuocere in forno caldo statico a 180° per circa 35 minuti (fate la prova stecchino... :D)
Facile e veloce!!!!

ET VOILA'!!!!!

WP_20160425_10_18_58_Pro

lunedì 18 aprile 2016

Le bugie e le gambe corte. Finta trippa alla romana

Buongiorno a tutti e buon lunedì!!!!
Tempo fa girovagando in rete mi imbatto nel post di questa mia cara signoraamica romana DOC, che mi spiattella in bella mostra una foto del suo pranzo.
La ragazza in questione, mi ha fatto zompettare le papille gustative, rievocando un piatto che mi faceva sempre nonna, la finta trippa alla romana.

Perchè finta trippa?

Perchè guardandolo con poca attenzione pare proprio un piatto di vera trippa alla romana.

E' assaggiandolo che rimani sopreso: Sono uova!!!!!

La ricetta è davvero semplice, non vi metterò porzioni e dosi, è un piatto povero, che adoravo da bambina e che nonna per questo motivo mi faceva spesso.

Preparate un sugo di pomodoro bello carico, con soffritto di cipolla olio a iosa.

Poi preparate delle belle frittatine sottili, che una volta cotte taglierete a striscioline.

Tuffate queste strisce di frittata nel sugo, se vi piace aggiungete menta e pecorino, proprio come con la trippa alla romana.....

ET VOILA'!!!!!

DSC_2857


Consiglio di bere in abbinamento un bel Nero Buono, noi beviamo spesso questo, Cantina Cincinnato
Provatelo e fatemi sapere :)


mercoledì 13 aprile 2016

Diario di una neo mamma. Sono una mamma cattiva? Ai posteri l'ardua sentenza. [cit.]

Buongiorno a tutti e bentornati nella mia cucina virtuale.
Cucina che nel tempo è diventata anche salotto e cameretta, facciamo anche cabina armadio va :D

La scorsa settimana mi son persa in chiacchiere al bar con alcune amiche mamme, si sa quando hai la prole al seguito di che vuoi parlare? Di loro ovviamente.... e ci si confrontava tra di noi, e mi sono sentita COMPLETAMENTE UN'ESTRANEA.

Il motivo è assai banale. FORSE sono davvero una mamma cattiva.

Partiamo dal problema principale. DORMIRE.
Ho sempre adorato dormire. Notte, pomeriggio, ogni scusa è buona. DEVO dormire. Mi piace dormire, amo dormire.
Quando ho portato a casa quei 3 kg scarsi di pupa, (ovviamente) tutta la mia vita si è stravolta.
Tralasciando il fatto che ho avuto un post partum LEGGERMENTE doloroso, c'era poco da fare. Ogni tre ore Maria si svegliava, e voleva o mangiare, o essere cambiata o semplicemente voleva scassare los marones.
Quindi non vi dico, come per tutte le neo mamme, tutto ciò è stata un'immensa tragedia.
Adesso quello che sto per scrivere scatenerà fiumi di polemiche. Lo so.

In quei momenti MAI e sottolineo MAI, ho pensato di portarla con noi nel lettone.

Prima del parto ho letto un'infinità di articoli e libri, cosleeping si, cosleeping no, e la maggior parte di questi diceva proprio che questo benedetto cosleeping non faceva male ai pupi, anzi, li fortificava etc etc.

E prima del parto il mio pensiero fisso (forse da egoista) era solo uno: quello è il mio letto (e di mio marito ovviamente hahahaha) e Maria avrà il suo.

Ecco perchè a due mesi scarsi, quando oramai nella navicella non entrava più (per i primi due mesi ha dormito li, accanto al nostro letto) andando contro parenti, genitori e amici ho iniziato a far dormire Maria nel suo letto (con le sbarre), nella sua cameretta.

Fortuna (lo so) ha poi voluto che Maria prendesse tutti i nostri geni di dormiglioni incalliti. Quindi da quel momento lei ha iniziato a dormire per bene, senza interruzioni particolari.

Lei ora ha più di un anno e mezzo, e non lo so come andrà in futuro, fatto sta che lei per adesso concepisce il dormire solo nel suo letto, nella sua camera, mentre noi dormiamo beatamente nella nostra.

Secondo voi sono stata una mamma cattiva togliendole il piacere di dormire con noi nel lettone?
Attendo le vostre opinioni :)

Foto da Pinterest

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Pinnami!!!!!

Vuoi stampare questa ricetta?